RIABILITAZIONE DEL PAVIMENTO PELVICO

Cos’è il pavimento pelvico
Il pavimento pelvico è l’insieme di muscoli e tessuto connettivo posto su più strati, che ha lo scopo di chiudere il foro del bacino e sostenere tutti gli organi che si trovano nella cavità.

Incontinenza urinaria dopo gravidanza e parto
Avvolgendo l’uretra, la vagina e il retto, il pavimento pelvico potenzia la capacità sfinteriale. Per adempiere a questo compito bisogna che questa struttura sia integra. La gravidanza e il parto sono la causa maggiore di alterazione di questo fascio muscolare. Il prolasso è il cedimento di queste strutture ed è la causa dell’incontinenza urinaria da sforzo. Quindi si comprende quanto sia importante recuperare il tono e la capacità muscolare nel post-parto, in modo da riportare questo muscolo alla sua integrità.

Riabilitazione del pavimento pelvico
Per riabilitazione uroginecologica, meglio conosciuta come riabilitazione del pavimento pelvico, si intende il recupero del tono del trofismo di questo muscolo e il recupero della capacità contrattile. Previa consultazione ginecologica per capire l’entità del danno che c’è stato durante il parto, si programma la riabilitazione.
La riabilitazione consiste in alcune sedute che comprendono l’elettrostimolazione, il biofeedbak e la chinesi-terapia, una ginnastica che ha lo scopo di insegnare alla donna come usare questo muscolo, nel momento in cui se ne ravvisa la necessità.

Il biofeedback è una ginnastica computerizzata, che consente alla donna di visualizzare sul monitor la sua contrazione ed imparare a gestire il muscolo.

 

LINDA FRANZINI (ostetrica)